Trent’anni fa, un uomo di nome Harris Burdick chiamò Peter Wenders, che all’epoca lavorava presso una casa editrice per bambini, spiegando che aveva scritto quattordici racconti, ciascuno illustrato da molti disegni. Al momento del loro incontro, tuttavia, aveva scelto di portarne con sé uno solo per ogni racconto, da sottoporre alla valutazione di Wenders. Wenders rimase affascinato dalle immagini e disse che gli sarebbe piaciuto leggere i testi l’indomani stesso. Ma il misterioso autore non tornò mai. Di lui non si ha alcuna notizia, a parte i quattordici disegni a carboncino raccolti in questo libro, ognuno accompagnato da un titolo e una semplice didascalia. Poche parole che invitano il lettore a esplorare ciascuna immagine per costruirvi intorno una storia. O più di una, cambiando vicende e personaggi ogni volta che avrà voglia di aprire il libro. Quale sarà la minaccia contro cui l’uomo di “Sotto il tappeto” sta per scagliare una sedia? Sappiamo solo che “passarono due settimane e accadde di nuovo”. E cosa è capitato alla bambina della “Biblioteca di Mr. Linden”, addormentata vicino a un libro aperto con un segnalibro vegetale? Cosa si vede dalla finestra spalancata della “Camera al terzo piano”? Impossibile tenere a freno l’immaginazione di fronte a questi disegni intriganti ed evocativi che, grazie ai contorni sfumati e ai chiaroscuri esaltati dalla carta ruvida, ci trasportano in una dimensione di sogno.

Booktrailer.

Età di lettura: da 9 anni.

Chris Van Allsburg nasce a Grand Rapids, Michigan, nel 1949. Dopo aver studiato scultura decide di dedicarsi al disegno e nel giro di pochi anni sfonda nel mondo della letteratura illustrata. Dal 1980 si aggiudica 3 medaglie Caldecott (per The Garden of Abdul GasaziJumanji e The Polar Express); nel 1982 Jumanji vince il National Book Award e il 1996 è l’anno della sua famosa trasposizione cinematografica. Attualmente vive e lavora a Providence, Rhode Island.

Project Details

Client:Chris Van Allsburg